Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Un "fenomeno sociale" da rivedere profondamente

Capovani Pisa

 
IL RISCHIO
    
Maggior impegno
per tutelare
il lavoro dei sanitari
sempre più a rischio,
e anche più volontà,
competenze e capacità
per immedesimarsi
nelle esigenze
 dei fruitori della sanità.
 
 
L’immagine è tratta da Corrierefiorentino.it
Da: Il mio giornale 

Dico la mia - Evidenza - 24 Aprile 2023 - Ernesto Bodini

Di: Ernesto Bodini 

Come se non bastassero le conseguenze della pandemia e i relativi problemi del SSN, ecco ripetersi troppo spesso atti di violenza nei confronti degli operatori sanitari nel corso Pugno controdelle loro funzioni. Ultimo atto l’aggressione, il 21 aprile scorso, alla psichiatra 55quenne Barbara Capovani, responsabile dell’Unità Funzionale di Salute Mentale Adulti e SPDC dell’ospedale Santa Chiara di Pisa, ad opera di un suo ex paziente che le ha provocato gravissime lesioni irreversibili. Questi eventi rappresentano ormai un “fenomeno sociale” pressoché inesistente sino a pochi anni fa, ma non a caso… forse l’avvento delle immigrazioni, dei molteplici reati non prevenibili, della non certezza della pena, dell’eccessiva libertà con le conseguenze in parte derivate a seguito del ’68, come pure delle varie fonti di emulazione (film e pubblicità), delle quasi incontrollabili patologie psichiatriche e infine dell’incremento costante della sottocultura, (tre milioni di italiani ancora credono a fattucchiere e sedicenti cartomanti), sono tutti elementi che determinano in gran parte azioni lesive alle persone e al patrimonio.
Ma al di là della utilità o meno, dal mettere in atto azioni repressive, credo si potrebbe incominciare ad essere più vicini alla popolazione,Dottori trasmettendo tutte quelle “nozioni base” della Medicina e della Sanità, con incontri periodici e garantendo un minimo di certezza del rispetto delle esigenze dei pazienti o potenziali tali, e spiegando anche possibilità e limiti della Medicina e degli operatori sanitari stessi.
Qualcuno potrà dissentire da questi suggerimenti e, in tal caso, vorrei chiedere loro di spiegarmi le origini e il perché di questa trascendenza comportamentale sempre più violenta; oltre al fatto che per quanto gli addetti stiano studiando il problema non sono ancora arrivati ad una soluzione almeno parziale.
 
Personalmente è da molto tempo che sollecito ad essere più vicini alla popolazione con incontri periodici ravvicinati per spiegare, ad esempio, cos’è la burocrazia e come superare determinati ostacoli in seno alla stessa e ciò soprattutto in ambito sanitario.
Morte per errorePurtroppo rilevo quotidiane lamentele di piazza e sui mass media, ma nessun cittadino (associazioni comprese) che si prodighi con iniziative per la corretta e costante informazione. Spesso si sente soltanto dire, o si legge: «Bisogna fare qualcosa…», «È inconcepibile che gli operatori sanitari lavorino in costante tensione e pericolo…», «Non è più tollerabile una situazione del genere…».
Il fatto che le persone sappiano di avere determinati diritti non significa che non debbano sapere cosa comporta il poterli garantire, proprio perché talvolta subentrano imprevisti e difficoltà oggettive per il loro espletamento. In effetti, la carenza costante della cultura del diritto e del dovere (meglio sarebbe anteporre il secondo al primo), accompagna da sempre quasi tutta la popolazione italiana, portando solitamente a manifestazioni di piazza senza nulla ottenere, ma c’è anche da aggiungere che una conduzione politica del Paese (come pure delle singole Regioni, fatte alcune eccezioni) spesso instabile ed inefficiente, induce i cittadini ad un senso di abbandono…
In buona sostanza, chi governa un sistema anziché scendere in piazza per stringere mani, fare selfie e promettere per ottenere consensi, dovrebbe
Fiaccolata Capovani invece essere maggiormente vicino alla popolazione in modo più concreto dicendo: «Fatemi conoscere i vostri problemi e le vostre esigenze e, a seconda delle disponibilità del momento e in base alle normative in corso, sarà nostro dovere intervenire in merito». Ma mi rendo conto che purtroppo ciò è utopia, o quasi; tuttavia si può sempre considerare questi suggerimenti che richiedono buona volontà, competenze e capacità di immedesimarsi nelle situazioni dei più deboli ed indigenti. Per quanto riguarda gli eventi causati da persone con disturbi mentali, sarebbe bene intensificare programmi di studio e prevenzione; ma anche in questi casi i sanitari non possono tutto, proprio perché, la Medicina ha dei limiti nonostante le altrettante notevoli potenzialità. Per concludere, se si vogliono prevenire eventi avversi in ogni ambito e soprattutto in quello sanitario, si provi a considerare questi modesti spunti e fruendone altri da chi più di me potrebbe suggerirne di più fattibili, forse preludio alla totale o parziale inversione di un sistema che di veramente sociale non ha più nulla, o ben poco.
 
 

Cerca nel Sito

Il Manuale del Caregiver

Aiutaci con il 5 x 1.000

#laprioritàseitu

Corso: Il Tumore del Retto

Cosa Abbiamo Fatto nel 2023

Chi Siamo - GITR - O.D.V.

Ma è vero che?

Notizie Flash

  •  
    RETE ONCOLOGICA
    PIEMONTE
    E VALLE D'AOSTA
     
     
    12
     
    MODI
    PER RIDURRE
    IL RISCHIO
    DEL CANCRO
     
    SCOPRI IL 
    CODICE EUROPEO
    CONTRO IL CANCRO
     
    Leggi tutto...  
  •  
    MELANOMA
    CUTANEO
     
    INFORMAZIONI
    PER I PAZIENTI
     
    Un Quaderno
    della Fondazione AIOM
    a cura di Alessandro Minisini
     
    Dipartimento Oncologia
    Azienda Sanitaria Universitaria
    Friuli Centrale - Udine
     
    Leggi tutto...  
  •  
    tumore?

     

    MA E VERO CHE...

     
    Gli Oncologi Medici 
    Ti aiutano a smascherare
    le FAKE NEWS
     
    - Cancro:
    cosa si nasconde
    - Cure Alternative
    - Alimentazione
    - Cause e rimedi
    - Piante e vitamine
    - Cancro:
    una malattia moderna
     

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Chi è on-line

Abbiamo 9 visitatori e nessun utente online