Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Elsa Morante: la storia non muore


Elsa Morante
 
 
  
LA CARTOLINA
 
Di: Augusto Frasca
 
Torna alla ribalta
grazie alla tivù
un capolavoro
della grande scrittrice
Elsa Morante, dal titolo
 
"LA STORIA"
 
 
La didascalia in copertina nella prima edizione del gennaio 1974 era contemporaneamente una penosa riflessione sul passato e una consapevole, sofferta profezia: ‘uno scandalo che dura diecimila anni’. Sul frontespizio, la frase di un sopravvissuto nell’esplosione atomica di Hiroshima del 1945: ‘non c’è parola, in nessun linguaggio umano, capace di consolare le cavie che non sanno il perché della loro morte’. Subito, all’inizio, la cadenza letteraria delle prime righe di un romanzo che per il tema trattato e l’originalità dell’autriceLa Storia   Morante avrebbe sconvolto l’editoria nazionale del tempo: ‘un giorno di gennaio dell’anno 1941, un soldato tedesco di passaggio, godendo di un pomeriggio di libertà, si trovava, solo, a girovagare nel quartiere di San Lorenzo…’. Elsa Morante non era nuova alla narrativa, essendosi imposta all’attenzione della critica letteraria – se non, nelle fasi iniziali, alle leggi del mercato – con le sue prime opere, Menzogna e sortilegio del 1948, vincitrice del Premio Viareggio in abbinata con I fratelli Cuccoli di Aldo Palazzeschi, e soprattutto L’isola di Arturo, pubblicato nel 1957 e segnato dall’affermazione nel Premio Strega, nelle cui pagine emergeva, al tempo tutt’altro che usuale, il tema dell’omosessualità e l’inconciliabilità tra un padre e un figlio.
 
La Storia, edito dalla Einaudi e tornato potentemente all’attenzione del pubblico in questo inizio di stagione per l’esito positivo di uno sceneggiato televisivo, fece registrare d’un colpo un travolgente successo di vendite, una media ininterrotta di centomila copie al mese, protrattasi per oltre un anno, troppo avvincente la narrazione delle piccole, tragiche storie Morante Classificaindividuali descritte dinanzi alla grande e tragica storia dell’umanità. Teatro del romanzo, immerso tra fantasia e realtà biografica nelle vicende della seconda guerra mondiale e degli anni successivi, Roma, una città sofferente fotografata in uno dei periodi peggiori della sua storia bimillenaria. Protagonisti, su tutti, testimoni inermi della fragilità umana e di un’innocenza tradita, un’umile donna e un bambino, Ida e Useppe, l’amore di una madre e la precarietà di un piccolo essere indifeso e indifendibile, entrambi vittime incolpevoli di una natura e di una società matrigne in una parabola umana in cui a dominare sono l’emozione e la poesia. ‘… due occhi che dicevano addio’, gli occhi di Useppe, quegli occhi che a distanza d’anni non cessano d’inseguire quanti si sono raccolti nell’intimità di una delle più grandi pagine letterarie del ventesimo secolo.    
 

 

Cerca nel Sito

Il Manuale del Caregiver

Aiutaci con il 5 x 1.000

#laprioritàseitu

Corso: Il Tumore del Retto

Cosa Abbiamo Fatto nel 2023

Chi Siamo - GITR - O.D.V.

Ma è vero che?

Notizie Flash

  •  
    RETE ONCOLOGICA
    PIEMONTE
    E VALLE D'AOSTA
     
     
    12
     
    MODI
    PER RIDURRE
    IL RISCHIO
    DEL CANCRO
     
    SCOPRI IL 
    CODICE EUROPEO
    CONTRO IL CANCRO
     
    Leggi tutto...  

  • La prevenzione
    rimane un concetto
    difficile da praticare
     
    VACCINI,
    UNA POLEMICA
    TUTTA ITALIANA
     
    Tra tanti esempi positivi
    la sconfitta della poliomielite
     
    Leggi tutto...  
  •  
    tumore?

     

    MA E VERO CHE...

     
    Gli Oncologi Medici 
    Ti aiutano a smascherare
    le FAKE NEWS
     
    - Cancro:
    cosa si nasconde
    - Cure Alternative
    - Alimentazione
    - Cause e rimedi
    - Piante e vitamine
    - Cancro:
    una malattia moderna
     

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Chi è on-line

Abbiamo 18 visitatori e nessun utente online