Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

54° Congresso della Società Italiana di Storia della Medicina

54 Congresso societa italiana storia medicina
  
 
 
IL RACCONTO
 
 
La nascita
dell’Oncologia in Italia
 
Il San Giovanni
Antica Sede di Torino 
                                                                                                                                           
Lettura tenuta
al 54° Congresso Nazionale
di Storia della Medicina
di Torino
30 Maggio/1° Giugno 2024
 
 
 
Di: Alessandro Comandone
 
54 Congresso societa italiana storia medicina RetroLa lotta ai tumori non è invenzione recente in Medicina. Sin dal 1600 si annoverano importanti studi epidemiologici Italiani (Ramazzini Parma) e Britannici (Pott 1734) sulla insorgenza di particolari tipi di tumore in popolazioni specifiche quali il carcinoma dell’endometrio nelle suore.
Ma è solo a fine del 19° secolo, con la diffusione della nuova filosofia positivistica e lo sviluppo della scienza sociale e medica denominata Igiene che l’interesse alla cura dei tumori diventa sempre più diffusa nel territorio europeo e nord americano.
Sicuramente la prima branca della Medicina che apre nuove frontiere è la chirurgia.
La scoperta degli anestetici e le nozioni di sterilità degli interventi permettono di intraprendere interventi in organi profondi o complessi fino a quel momento inavvicinabili.
Ricordiamo brevemente alcuni interventi chirurgici che hanno cambiato la storia della medicina e dell’umanità.
1873: laringectomia secondo Billroth (Austria)
1885: gastrectomia secondo Billroth (Austria)
1896: mastectomia radicale Halsted (USA)
1912: isterectomia Wertheim (Austria)
1921: resezione addominoperineale del retto Miles (UK)
 
A fine ‘800 gli studi di fisica e sull’elettromagnetismo permettono inoltre importanti progressi nella diagnostica.
 Approfondendo i suoi studi sulla fluorescenza il fisico tedesco Roentgen nel 1895 scopre l’esistenza dei Raggi X come mezzo per indagare in vivo gli organi profondi. In realtà le prime applicazioni della nuova tecnica che ben presto prende il nome di radiografia permettono di vedere soprattutto lo scheletro. Molto lentamente si potranno studiare gli organiCurie profondi,ma, come sempre dico agli studenti ad inizio dell’Anno accademico, quando io mi iscrissi a Medicina nel 1975 lo studio degli organi viscerali (fegato, pancreas, reni, milza, apparato genitale femminile) e del SNC (cervello, midollo) era molto rozzo mancando di quel mezzo straordinario che è la TAC e più tardi la RM che apriranno negli anni 1980 lo scenario dell’esplorazione del corpo umano senza ricorrere all’atto chirurgico. Ma tornando a Roentgen, è stupefacente che già un anno dopo la scoperta dei Raggi X, lo statunitense Grubbe (1897) intuiva l’importanza dei raggi X per curare i tumori facendo nascere la scienza che chiamiamo Radioterapia.
I raggi X sono prodotti artificiali della tecnologia umana creando in un tubo catodico un forte flusso di energia che produce i fotoni X. Tali raggi somministrati per pochi secondi o minuti a basso voltaggio sono utili in fase diagnostica, mentre somministrati ad alta energia e per tempo prolungato determinano la morte cellulare o un danno irreversibile del DNA delle stesse. I risultati ottenuti in campo oncologico fanno sperare che la radioterapia divenga un’arma definitiva nelle malattie infettive, distruggendo batteri e virus e possa guarire anche malattie di natura diversa (morbo di Pott, rachitismo, tigna, psoriasi, artrite). Sarà una concezione erronea che non porterà a nessun risultato e che causerà danni anche letali nei Malati.
Sempre negli ultimi anni del 19° secolo la Scuola fisica francese scopre fonti naturali di radioattività con Becquerel che dimostra la produzione di raggi alfa dall’uranio.
 
 
54 Congresso societa italiana storia medicina
 
 
 

Cerca nel Sito

Il Manuale del Caregiver

Aiutaci con il 5 x 1.000

#laprioritàseitu

Corso: Il Tumore del Retto

Cosa Abbiamo Fatto nel 2023

Chi Siamo - GITR - O.D.V.

Ma è vero che?

Notizie Flash


  • La prevenzione
    rimane un concetto
    difficile da praticare
     
    VACCINI,
    UNA POLEMICA
    TUTTA ITALIANA
     
    Tra tanti esempi positivi
    la sconfitta della poliomielite
     
    Leggi tutto...  
  •  
    NELLA CIVILTÀ
    DEGLI SPRECHI
    SALVIAMO ALMENO 
     
    I FARMACI
     
    CHE NON SONO
    ANCORA SCADUTI
     
    Si dice, con ragione, che la nostra sia la civiltà degli sprechi. Purtroppo, tra i tanti si devono annotare i farmaci.
     
    Leggi tutto...  
  •   
    La Farmacia Oncologica
    e il ruolo del Farmacista
     
    Necessaria una più stretta
    collaborazione
    tra le diverse figure
    professionali della Sanità
    dopo la riclassificazione
    dei farmaci ex OSP 2.
     
    Leggi tutto...

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Chi è on-line

Abbiamo 20 visitatori e nessun utente online