Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Quel piccolo chicco fa magie...

Tot e Caff
 
 
LA SORPRESA
 
Sfatati molti luoghi comuni
diffusisi nei decenni
 
IL CAFFÈ È
UN GRANDE AMICO
 
Di: Michele Fenu
 
 
Nuovi studi rivelano che la bevanda più consumata al mondo ha effetti positivi nella prevenzione dei tumori e delle malattie cardiovascolari.
Ma non bisogna berne più di 5 tazzine al giorno.
 
Sorseggio un caffè al bar sotto casa. <Ma non ti fa male?> borbotta un amico.< E no, 4-5 tazzine al giorno se non si hanno problemi particolari fanno bene. Eccome> gli rispondo. Tutta una serie di recenti studi (2012-2017) europei e americani basati su un ampio numero di persone (200-500 mila) tenute sotto controllo per molto tempo (16-30 anni) hanno concluso che più è alto il quotidiano consumo di questa bevanda (ovviamente entro certi limiti, appunto le 5 tazzine) e più è bassa la mortalità per le malattie tumorali, cardiache e cerebrovascolari. Tesi confermata al convegno mondiale di cardiologia svoltosi recentemente a Torino 
Tazza Caff
 
È il contrario di quanto si credeva soprattutto in base a una insufficiente indagine pubblicata alcuni decenni fa su una rivista scientifica: il suo autore dopo pochi mesi si era poi ricreduto. Ma, ormai il danno era fatto, anche se, per la verità, non aveva inciso particolarmente sul pubblico visto che oggi il caffè è la bevanda più comunemente gustata al mondo, con oltre 2 miliardi di tazze distribuite ogni giorno. Berlo significa introdurre nel nostro organismo una grande quantità di sostanze biologicamente attive, sostanze antiossidanti, e il loro aumentato consumo è legato a un minore livello di infiammazione nel nostro corpo, a una minore resistenza all’insulina e a un minore rischio di diabete.
Pianta Caff
 
Tre imponenti lavori, una metanalisi, cioè una tecnica clinico-statistica che genera un unico dato conclusivo da più studi su uno stesso argomento, condotta negli Usa e due ricerche hanno dimostrato gli effetti positivi del caffè nel lungo periodo indipendentemente dalla caffeina. In particolare, la metanalisi ha rilevato che si hanno minori probabilità di soffrire di malattie cardiovascolari e di ammalarsi di tumore. Si indica un dato del 10%, che –dicono gli specialisti– è un valore significativo negli studi clinici. Ma guai se dopo un buon caffè vien voglia di fumare. I vantaggi sono annullati.
 
Vengono sfatati anche altri luoghi comuni: ad esempio, che il caffè provochi disturbi gastrici, eccitazione e insonnia. Questo può accadere per alcune persone, ma esistono studi (uno ha preso in esame 10 mila individui) che rilevano come chi ne fa la bevanda preferita dorme meglio, non ha pressione o colesterolo più alti di un non bevitore. Anzi viene beneficiato del colesterolo <buono> (Hdl) , come conferma una ricerca piemontese su oltre 11.000 persone diretta dal Dottor Sebastiano Marra.
 
Tutto merito della caffeina? Nemmeno per sogno. Onore e gloria al piccolo chicco di caffè, la sostanza vegetale con più antiossidanti esistente in natura (omega3, polifenoli). Quindi, per la salute il decaffeinato va bene come quello normale che, come si accennava, occorre limitare a un massimo di 5 tazzine in quanto non bisogna superare i 400 microgrammi giornalieri di caffeina e ogni tazzina ne contiene mediamente 70-80. E nemmeno conta con quale metodo si prepari il caffè. L’importante è che sia buono.
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

Spettacolo Teatrale Natalizio

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash


  •  Percorsi espressivi
    attraverso arte e cultura
     
    In ogni malato,
    in particolare 
    quello oncologico,
    può essere importante
    stimolare iniziative 
    volte all’espressione 
    del proprio essere
    e del proprio esistere.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    Opuscolo Informativo
    su una complicanza da bifosfonati
     
    OSTEONECROSI
    DELLE OSSA MASCELLARI
    DA FARMACI
     
    A cura di
    Olga Di Fede e Giuseppina Campisi
     
  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...

Salviamo i Farmaci