Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

2018 Torino - In Visita al Centro Oncologico ed Ematologico delle Molinette

 
CITTÀ DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA
(OSPEDALE MOLINETTE DI TORINO)
 
La costante dedizione alla cura e all’assistenza del paziente oncologico,
fa di questa struttura una delle eccellenze di riferimento regionale e nazionale.
Sinergia e organizzazione nelle prestazioni a garanzia di un miglior approccio
con le terapie, oltre che affrontare al meglio l’attesa di un referto e di un colloquio.
 
Di: Ernesto Bodini (Giornalista scientifico - Membro del Gruppo GITR-GPS) 
 
Razionale e al passo coi tempi, da quando è stato istituito nel giugno 2001, oggi il Centro Oncologico ed Ematologico Supalpino (COES) della Città della Salute e della Scienza (Ospedale Molinette) è una struttura di assistenza e di ricerca multidisciplinare in stretta sinergia tra Ospedale e Università per la prevenzione, la cura e la ricerca dei tumori.
Dal punto di vista logistico è molto esteso essendo composto da un ampio ingresso, postazioni per la registrazione dei nuovi arrivi, un accogliente back office (nella foto in basso) con due operatori preposti per le informazioni al pubblico, una segreteria e lo studio del direttore responsabile.
Il percorso si snoda con ampi corridoi per accedere ai vari ambulatori e servizi per le pratiche amministrative interne, ed altri per esigenze comuni, oltre ad un accogliente angolo dotato di televisore per superare l’attesa, sia dei pazienti stessi che dei loro famigliari. Il D.H. di Oncologia Medica del Coes, diretto dal dott. Libero Ciuffreda (direttore del Dipartimento di Oncologia prof. Umberto Ricardi), da ambulatori per visite delle diverse patologie neoplastiche, un servizio farmaceutico centralizzato, comprende un settore dedicato alla ricerca di base, in stretto collegamento con il Centro di Prevenzione Oncologica (CPO) – Unità di Epidemiologia e del Coordinamento della Rete Oncologica della Regione Piemonte.BackOffice 

Dedicati all’Oncologia Medica vi sono 14 ambulatori al piano terreno, 12 stanze con 30 posti tra letti e poltrone per le terapie infusionali e/o orali, terapie che vengono effettuate dal lunedì al venerdì dalle 7.00 alle 19.00, ad opera di 14 medici e 18 infermieri, questi ultimi coordinati da Silvana Storto.

Ad accogliere i pazienti per la prima visita è il Centro Accoglienza Servizi (CAS) coordinato dalla dott.ssa Patrizia Racca e dalla dott.ssa Silvana Storto che, attraverso un gruppo di professionisti con una formazione professionale specifica (oncologi, infermieri e amministrativi), attiva il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA), informando il paziente e i parenti anche sui diritti in ambito socio assistenziale e attivando il Gruppo Interdisciplinare Cure (G.I.C.) per la valutazione collegiale.    
 
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    NELLA CIVILTÀ
    DEGLI SPRECHI
    SALVIAMO ALMENO 
     
    I FARMACI
     
    CHE NON SONO
    ANCORA SCADUTI
     
    Si dice, con ragione, che la nostra sia la civiltà degli sprechi. Purtroppo, tra i tanti si devono annotare i farmaci.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    XX CONGRESSO
    NAZIONALE
    AIOM 2018
     
    THE BEST CARE
    FOR EVERY PATIENT
     
    Roma
    16-17-18 novembre
    2018
     
    MARRIOTT
    PARK HOTEL
     
    Leggi tutto...  

  • La prevenzione
    rimane un concetto
    difficile da praticare
     
    VACCINI,
    UNA POLEMICA
    TUTTA ITALIANA
     
    Tra tanti esempi positivi
    la sconfitta della poliomielite
     
    Leggi tutto...

Salviamo i Farmaci

Ma è vero che?