Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

"Le Parole che Curano" - Il limite...di un'orizzonte senza limiti


Logo Parole che Curano 5
 
 Lilli 1
 
LA RUBRICA
 
Limiti  e Orizzonti
 
solo all'apparenza parole
dagli opposti significati 
in realtà  entrambe
ad esprimere e determinare
confini precisi.
 
 

A cura di: Davide Deangelis

Chiunque abbia dei figli piccoli o apprezzi i cartoni animati della Walt Disney, non può non aver visto il cortometraggio classico “Lilli e il Vagabondo” senza ricordare una delle scene più note del film: quando Biagio, il cane meticcio e randagio, smaliziato e giramondo, innamorato di Lilli, una tenera e curata Cocker Spaniel, appena salvata da alcuni gravi pericoli, guardando l'orizzonte, domanda alla cagnolina che cosa vorrebbe dal loro futuro insieme. Una calda ed accogliente casa, con regole, imposizioni, divieti e padroni -amorevoli ed accudienti, ma comunque padroni- o il brivido della libertà, il suadente e vertiginoso richiamo della foresta, dello sconfinato e indefinito imprevisto, dell'indeterminato domani, l'assoluto fascino della privazione del limite. Rispetto normativo o autodeterminazione, dipendenza o indipendenza? Osservare regole date da altri (eteronomia) o ottemperare solo alle proprie (autonomia) se ve ne sono? Fare ciò che si deve o ciò che piace?
Infinito 
Questo irrisolto dilemma richiama da sempre l'attenzione di ogni uomo, nel momento in cui diventa consapevole delle proprie azioni, si inserisce in un tessuto sociale e assume il titolo di agente morale. In quel libro complesso e profetico, che è Il disagio della civiltà, Freud mette a confronto due concetti antitetici, ugualmente pervasivi: il principio di sicurezza, sociale e psichica, e quello di piacere, nel suo senso più ampio di libidine e libertà sfrenate ed incondizionate, fornendo le coordinate verso un sano equilibrio psichico dell'individuo attratto da queste due polarità. Ma molti sono gli autori, di varia estrazione culturale e provenienti da diverse discipline, che si sono misurati con tale tema, perché scossi dal fremito etico su come sia giusto comportarsi e che cosa sia più utile o conveniente. Ed in tale problematica prospettiva hanno provato a leggere la storia e le opere dell'uomo: Nietzsche con la sua formulazione dei concetti di apollineo e dionisiaco; Deleuze con la teorizzazione della diade ration deration; la sociologia di Durckeim, percorsa dall'analisi della struttura sociale e l'anomia; e tutte le teorie filosofico-sociali classiche che hanno contrapposto ordine a disordine, cosmo a caos, organizzazione sociale ad anarchia, civilizzazione a barbarie, governo a stato di natura, legami sociali ad indipendenza, essere a divenire, atto a potenza, finito ad infinito, determinato ad indeterminato, ciclicità a linearità. In altre parole, tra il concetto di limite, confine, soglia, contenimento e illimitatezza, assoluto, sconfinatezza e interminabilità. 
 
Estendendone il senso ad altri ambiti e sviluppandone le potenzialità semantiche potremmo addirittura citare la continua dialettica che esiste tra legge e privilegio, tra società ed individuo, relazione e solitudine, o risalire alla dicotomia epistemologica tra fisica e metafisica e quindi immanenza e trascendenza, scorgendo le correlate antinomie tra misurabile e non misurabile, reale e surreale, tecnoscienza e arte.Per ovvie ragioni, non è questa la sede idonea per affrontare un approfondimento di tale categorie di pensiero, che tuttavia rappresentano l'idea stessa di modernità e hanno agitato le relative trasformazioni sociopolitiche connesse alle problematizzazioni sollecitate dai principali esponenti del pensiero occidentale. Perché è proprio in Occidente che emerge il concetto di modernità e il suo sofferto rapporto con l'idea di limite, che pesaLocSICP18 ancora sull'immaginario dell'uomo contemporaneo giacché ha dischiuso le porte alla postmodernità con questa irrisolta questione. Anzi, potremmo dire che l'indagine, l'analisi, la riflessione, il rispetto ed infine la gestione del concetto del limite rappresentano la cifra costitutiva del pensiero occidentale, soprattutto nelle sue afferenze, sintonie, rapporti ed assonanze con quello di potenza e potere, compresi il suo abuso, che prende nome di prevaricazione, e la sua correzione che è il diritto. Se Occidente ed Oriente, nell'attuale contesto globalizzato, perdono della loro distinguibilità e comparabilità a causa della conclamata crisi identitaria, innescata dalla mondializzazione, lo sguardo al sole che sorge o tramonta all'orizzonte conserva un significato ancora profondo, carico di echi e sensazioni opposte: speranza e malinconia, azione e contemplazione, veglia e sonno, vita e morte.  

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2018

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    XX CONGRESSO
    NAZIONALE
    AIOM 2018
     
    THE BEST CARE
    FOR EVERY PATIENT
     
    Roma
    16-17-18 novembre
    2018
     
    MARRIOTT
    PARK HOTEL
     
    Leggi tutto...  
  •   
    100 DOMANDE
            100 RISPOSTE
     
    I SEGRETI DELLA
    CHEMIO-TERAPIA
     
    SVELATI
    IN UN LIBRO
    DELL’AIOM
     
    Leggi tutto...

Ma è vero che?

Salviamo i Farmaci