Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Cartoline dal Passato - Le vite incrociate di Ugo e Raimondo

Tognazzi e Vianello

 
LA CARTOLINA
 
Di: Augusto Frasca
  
Li univa la primavera del 1922.
Erano nati a poco più
di un mese di distanza l'uno dall'altro.
Il primo, Ugo,
il ventitré marzo, a Cremona.
L'altro, Raimondo,
il 7 maggio, a Roma.
 
 
In quella che risultò essere la congiuntura più drammatica della storia nazionale, le loro vite si incrociarono per la prima volta a ventuno anni, entrambi tra le fila della Repubblica Sociale Italiana. Andò peggio a Raimondo, rinchiuso, assieme a futuri protagonisti del mondo dello spettacolo come Giorgio Albertazzi, Dario Fo, Walter Chiari, Enrico Maria Salerno, ad un giovanissimo Pino Dordoni, olimpionico di marcia nel decennio successivo, nel campo di concentramento di Coltano, due passi da Pisa. Si ritrovarono dieci anni dopo dinanzi alle telecamere di una RAI da pocoUn due tre alle prese con lo strumento tecnologico che di lì a poco avrebbe invaso case e famiglie suggerendo, rivoluzionando e condizionando abitudini e rapporti dell'intera società italiana. Dal 1954, fino al 1959, Ugo Tognazzi e Raimondo Vianello furono tra i dominatori delle scene televisive nazionali. Lo spettacolo più noto della coppia, Un due tre, fu quanto di meglio realizzato nella storia del varietà televisivo.
Ma fu proprio una puntata del loro spettacolo – la parodia, dissacrante, di un incidente accaduto alla Scala al presidente della Repubblica Gronchi in occasione della visita del collega francese Charles De Gaulle – a comprometterne la durata: in meno di ventiquattrore, dagli uffici di via Teulada, una telefonata del direttore generale Ettore Bernabei annunciava l'allontanamento dei due attori dagli schermi dell'Azienda di Stato.
 
Come sovente accade nei casi della vita, quell'allontanamento fu fortuna per entrambi. Già impegnato nel 
Che barbateatro di rivista e nel cinema, Raimondo Vianello trovò velocemente la propria consacrazione professionale proprio attraverso gli schermi televisivi, prima nella RAI, primeggiando per stile innato e irresistibile simpatia nella conduzione di programmi di rilevante successo come Canzonissima, e successivamente, a partire dal 1985, nel Canale 5 della Fininvest, rete in cui, assieme a Sandra Mondaini, sposata nel 1962, sarebbe entrato per un ventennio nelle abitazioni di mezza Italia con l'esilarante serie di Casa Vianello, uscendone con l'incontrastato marchio di 'coppia più amata dagli italiani'.
PressingSul fronte dei programmi sportivi, memore della sua antica passione per il calcio, che in piena maturità lo vide con piena dignità impegnato in campo, in tornei di terza categoria, con la SaMo, dalle iniziali della consorte, Vianello condusse, per otto stagioni, su Italia 1, con umorismo e stile immutabili, Pressing.
Diversa la sorte del suo antico compagno d'avventura, subito avviato ad una carriera che di lì a poco, insieme ad altri fuoriclasse quali Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Marcello Mastroianni, Nino Manfredi, Monica Vitti, Mariangela Melato, Giancarlo Giannini, ne avrebbe fatto uno dei massimi esponenti di quella Tognazzi e Gassmanche sarebbe passata alla storia della cinematografia nazionale, e la definizione va stretta ad ognuno degli attori citati, come Commedia all'italiana.
Occorrerebbe un calendario per citare l'eccezionale versatilità, successi e premi di Ugo Tognazzi sul doppio versante comico e drammatico, e anche teatrale negli ultimi anni di vita, compreso, nel 1986, a Parigi, il percorso a rischio, magnificamente superato, nel pirandelliano Sei personaggi in cerca d'autore in lingua francese, interpretazione che lo consacrò, anche per la sua contiguità professionale con mostri sacri d'oltralpe come Philip Noiret, Michel Serrault e Michel Piccoli, come l'attore italianoTognazzi Federale più ammirato oltre confine.
 
Lo spazio ci consente tuttavia di ricordare alcune pellicole che, fra le 153 interpretate, a parere di chi scrive rappresentano spesso il meglio registrato nella storia della cinematografia, e non solo italiana, dal Federale ai Mostri, da In nome del popolo italiano – difficile dire, tra i due mattatori Tognazzi-Gassman, chi prevalga – alla Tragedia di un uomo ridicolo, da Amici miei, l'ultima creazione di Pietro Germi, passata nelle mani di Mario Monicelli dopo la scomparsa del regista genovese, nella memorabile interpretazione del conte Lello Mascetti, al Vizietto, in esplosiva accoppiata con Michel Serrault.
Super cazzolaLa sorte fu per lui ingrata. Ugo Tognazzi morì nel 1990, nel sonno, per emorragia cerebrale, precedendo di venti anni la scomparsa di Raimondo Vianello.
 
I cimiteri di Velletri e del Verano ne conservano, rispettivamente, memoria visiva.    
 
 
 

 

Cerca nel Sito

Il Manuale del Caregiver

Aiutaci con il 5 x 1.000

GITR - ODV-ETS

Ma è vero che?

Notizie Flash

  •  
    MELANOMA
    CUTANEO
     
    INFORMAZIONI
    PER I PAZIENTI
     
    Un Quaderno
    della Fondazione AIOM
    a cura di Alessandro Minisini
     
    Dipartimento Oncologia
    Azienda Sanitaria Universitaria
    Friuli Centrale - Udine
     
    Leggi tutto...  
  •   
    La Farmacia Oncologica
    e il ruolo del Farmacista
     
    Necessaria una più stretta
    collaborazione
    tra le diverse figure
    professionali della Sanità
    dopo la riclassificazione
    dei farmaci ex OSP 2.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Chi è on-line

Abbiamo 8 visitatori e nessun utente online