Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Un'esperienza operativa verso la sensibilità per il dolore

Asfalto e Fiore
 
 
L'ESPERIENZA
 
Nell’affrontare il tema
della sofferenza
fisica e psicologica
non vi sono confini.
 
Risultano però
sempre fondamentali
l’intraprendenza
e la concreta
partecipazione collettiva.

 

Di: Luigi Giovannini

Tempo fa sono stato invitato a far parte, come membro esterno, del comitato COSD dell’ospedale Gradenigo. Inutile dire che fui colto di sorpresa, non tanto per l’invito di per sè, quanto per il fatto che effettivamente si trattava e si tratta di materia completamente avulsa dalla mia conoscenza ed esperienza professionale. È vero che mia moglie, scomparsa 3 anni or sono, era medico (non ospedaliero), ma personalmente sono di formazione economica e mi sono sempre occupato di gestione aziendale. Insomma tutt’altra cosa. Tuttavia accettai l’invito, perchè ad una richiesta di aiuto e collaborazione da persone che stimo e alle quali sono riconoscente, non si può e non si deve dire di no e poi perchè pensai che se era necessario un membro “esterno”, di certo rispondevo ai requisiti.
 
Cominciai con la titubanza, ma anche con la curiosità e la motivazione del neofita, cercando anzitutto di capire di che cosa si trattava. Il COSD è l’acronimo di “Comitato Ospedale Senza Dolore” e nella denominazione vi è riassunta la sua finalità, ossia il miglioramento del processo assistenziale specificatamente rivolto al controllo del dolore di qualsiasi origine. La sua costituzione, per iniziativa del Ministero della Salute in accordo con le Regioni, risale al 2001 e mirava a correggere e migliorare, con un approccio sistematico a livello nazionale, una carenza sensibilizzata e percepita nel trattamento del dolore a cominciare dal personale medico che era tendenzialmente portato a ritenere il dolore un aspetto secondario rispetto alla patologia di base, a cui rivolgere l’attenzione prioritaria; e questo per ricaduta aveva ovviamente ripercussioni consequenziali su tutto il personale coinvolto nel processo assistenziale, sia in ambito ospedaliero che extra-ospedaliero. Per contro è stato scientificamente dimostrato come il dolore sia fortemente invalidante dal punto di vista non solo fisico, ma anche emotivo e sociale. 
 
Mani e margherita
La finalità specifica del COSD è quindi quella di “allargare” l’attenzione del personale ospedaliero preposto alle cure, affinchè vengano predisposte le procedure e gli interventi necessari a contrastare il dolore, a prescindere dalle cause del medesimo e dal contesto delle patologie e delle cure in atto per il singolo paziente. Ciò implica innanzi tutto un radicale mutamento di approccio da parte del personale addetto e quindi, propedeuticamente, un significativo intervento sulle risorse umane ai vari livelli per adeguare l’informazione, la formazione e la sensibilizzazione al riguardo; inoltre occorre inserire la rilevazione del “dolore’’ tra i parametri fondamentali che vengono quotidianamente misurati nell’ambito della valutazione clinica dei pazienti, quali la pressione arteriosa, la frequenza cardiaca, la temperatura corporea, etc.
E qui è doveroso aprire una parentesi. Volutamente ho scritto RILEVAZIONE del dolore e MISURAZIONE degli altri parametri clinici, perchè a differenza di questi ultimi, il dolore non è oggettivamente misurabile, ma soltanto soggettivamente rilevabile, il che comporta l’adozione di strumenti idonei a seconda della singola realtà operativa (prevalenza di malati oncologici, pediatrici, geriatrici, portatori di menomazioni e disabilità, etc.), quali scale analogiche, cromatiche, scale verbali, righelli, etc., che possono facilitare la rilevazione e garantire una certa omogeneità del quadro generale che ne emerge.
Per completezza, vengo al dettaglio delle finalità, delle funzioni e della composizione del COSD, così come sono previste dal Ministero della Sanità:
Finalità: 1) assicurare un osservatorio specifico del dolore nelle strutture sanitarie e in particolare ospedaliere; 2) coordina
re l’azione delle differenti équipe e la formazione continua del personale medico e non medico; 3) promuovere gli interventi idonei ad assicurare nelle strutture sanitarie la disponibilità dei farmaci analgesici, in particolare degli oppioidi, in coerenza con le indicazioni fornite dall’OMS, assicurando inoltre la valutazione periodica del loro consumo; 4) promuovere protocolli di trattamento delle diverse tipologie di dolore.
Composizione del Comitato: 1) membri della direzione Aziendale e del personale curante; 2) operatori delle strutture di terapia del dolore e/o cure palliative, nonchè di anestesia e rianimazione; 3) un referente del servizio farmaceutico; 4) membri esterni delle organizzazioni non-profit, in particolare volontariato, operanti nel settore.
Mano spalla
Funzioni: 1) promuovere l’educazione continua del personale assistenziale sui principi di trattamento del dolore, sull’uso dei farmaci e sullemodalità di valutazione del dolore;
2) assicurare il monitoraggio dei livelli di applicazione delle linee guida e la valutazione di efficacia; 3) promuovere l’elaborazione e distribuzione del materiale informativo agli utenti relativo alla cura del dolore.

Si tratta quindi di un progetto che nella sua concreta attuazione ha allineato il sistema sanitario italiano ad altri Paesi europei più avanzati in campo assistenziale e, quello che più conta, ha posto le basi per una gestione sistematica e significativamente migliorativa di uno degli aspetti più importanti della condizione del paziente.
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    I lunedì pomeriggio
    della Prevenzione
    e della Salute
     
    Prevenire per migliorare
    la qualità della vita
     
    Università di Torino
    Centro di
    Biotecnologie Molecolari
    Via Nizza, 52 - Torino
     
    Leggi tutto...  
  •  
    Opuscolo Informativo
    su una complicanza da bifosfonati
     
    OSTEONECROSI
    DELLE OSSA MASCELLARI
    DA FARMACI
     
    A cura di
    Olga Di Fede e Giuseppina Campisi
     
  •  
    OPEN DAY
    GIST
     
    Incontri dedicati
    ai pazienti con GIST
    e ai loro familiari ed amici 
     
    Sabato 27 Gennaio
    Accademia di Medicina
    di Torino
    Via Po,18 - Torino
    Ore 9.00
     
    Leggi tutto...

Salviamo i Farmaci