Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Cartoline dal Passato - Vittorio Gassman, uno… centomila. Il "mattatore"

Gassman Otello

 
LA CARTOLINA
 
Di: Augusto Frasca
  
In un inverno del 1956
furono la curiosità,
gli studi classici
e la sensibilità di un docente
a suggerire a quattro diciottenni
d'un Liceo romano di varcare
l'ingresso del Teatro Quirino.
 
In un inverno del 1956 furono la curiosità, gli studi classici e la sensibilità di un docente a suggerire a quattro diciottenni d'un Liceo romano di varcare l'ingresso del Teatro Quirino. Fu, quella, la prima volta che vidi di persona Vittorio Gassman, segnato da una notorietà che ne faceva il miglior prodotto tra le nuove generazioni del teatro nazionale. All'epoca trentaquattrenne, aperto contemporaneamente da tempo, in Italia e all'estero, a incursioni cinematografiche che non avevano in realtà lasciato tracce decisive nella storia e nell'evoluzione della settima arte, quella sera l'attore era impegnato in una interpretazione che alla vigilia più d'un critico aveva ritenuto ai limiti della temerarietà, recitare cioè l'Otello di Shakespeare alternandosi di serata in serata, nei ruoli di Jago e del Moro di Venezia, con un altro colosso del teatro classico, Salvo Randone.
Il giorno successivo, l'irresponsabilità di un gruppo di allievi che gestivano il giornalino dell'Istituto, un modesto ma diffusamente saccente ciclostilato di quattro pagine, affidò al sottoscritto la recensione di uno spettacolo che fu poi, con il succedere delle stagioni, unanimemente considerato, per l'originalità dell'iniziativa e la qualità degli interpreti, tra i momenti più significativi nella storia del teatro classico, italiano e non solo.
Ne uscì fuori una pagina che la generosità del responsabile delle titolazioni, mentre faceva crescere nei miei confronti, in una con la gelosia dei compagni di classe, l'attenzione delle compagne, ebbe tuttavia il torto di elevare il titolo al rango di una pubblicazione iperspecializzata: Luci ed ombre nell'Otello di Gassman.
Quella serata al Quirino, doppiamente storica per un giovane alle soglie della maturità, fu dunque la prima volta, e anche l'ultima, che favorì l'occasione di assistere di persona ad uno spettacolo di Gassman. Tutto il resto del poliedrico personaggio è noto ai più.
 
Gassman Brancaleone
Due anni dopo l'Otello teatrale, a partire dai Soliti ignoti, pellicola magistralmente guidata dalla sceneggiatura del binomio Age&Scarpelli e dalla regia di Mario Monicelli, seguita a distanza ravvicinata dalla Grande guerra, dal Sorpasso, dal capolavoro linguistico e fotografico costituito dall'Armata Brancaleone e dall'esplosiva parentesi televisiva del Mattatore, il figlio di Heinrich Gassmann, ingegnere civile di Karlsruhe, rivelò in tutta la sua potenza una versatilità che, pur in presenza concomitante di attori del calibro di Alberto Sordi, Ugo Tognazzi, Nino Manfredi, Marcello Mastroianni e Giancarlo Giannini, non ha pari nella storia dello spettacolo italiano.
C'eravamo tanto amatiLa TerrazzaProfumo di donna, tratto dal romanzo Il buio e il miele di Giovanni Arpino, furono le tappe successive e determinanti di una lunga e fortunata carriera cinematografica, simbolicamente archiviata, nel 1987, almeno per chi scrive, con La Famiglia, splendida pellicola resa preziosa dalla presenza di Fanny Ardant.
Gassman CommediaTuttavia, qualche anno dopo, il richiamo del vecchio teatro, rivelandone l'assenza, come un atto dovuto o un'eredità annunciata tornò a farsi vivo: nel 1993, settantunenne, Vittorio Gassman lasciò un superbo, irrinunciabile tributo al primo amore, registrando quaranta canti della Commedia del suo amato Dante.
 
Nel 2000, al passaggio del secolo, il 'mattatore' salutò definitivamente il suo pubblico. Una lastra di marmo, al Cimitero romano del Verano, ne ricorda il passaggio in vita.     
 
 

Cerca nel Sito

Il Manuale del Caregiver

Aiutaci con il 5 x 1.000

GITR - ODV-ETS

Ma è vero che?

Notizie Flash

  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    NELLA CIVILTÀ
    DEGLI SPRECHI
    SALVIAMO ALMENO 
     
    I FARMACI
     
    CHE NON SONO
    ANCORA SCADUTI
     
    Si dice, con ragione, che la nostra sia la civiltà degli sprechi. Purtroppo, tra i tanti si devono annotare i farmaci.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    tumore?

     

    MA E VERO CHE...

     
    Gli Oncologi Medici 
    Ti aiutano a smascherare
    le FAKE NEWS
     
    - Cancro:
    cosa si nasconde
    - Cure Alternative
    - Alimentazione
    - Cause e rimedi
    - Piante e vitamine
    - Cancro:
    una malattia moderna
     

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Chi è on-line

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online