Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Accademia di Medicina, il GIST sotto la lente

Accademia ingresso

 
 
L'AGGIORNAMENTO 
 
PAZIENTI E FAMIGLIARI
A <SCUOLA> A TORINO PER
UN AGGIORNAMENTO CLINICO
 
Il tumore
stromale gastrointestinale
tra volontariato
e operatori della sanità.
 
Il convegno organizzato
da GITR, AIG
e Rete Oncologica Piemontese 
 
 
Di: Ernesto Bodini
 
 
 
LE ASSOCIAZIONI A.I.G. E GITR PER UNA GIORNATA DI FORMAZIONE
Invariati i progressi
nel trattamento del tumore stromale gastrointestinale
 
Anche quest’anno il GITR (presidente dott. Alessandro Comandone), in collaborazione con l’associazione A.I.G. e la Rete Oncologica Piemontese (direttore dott. Oscar Bertetto), puntualmente ha dedicato una Giornata di formazione per i pazienti con GIST e le loro famiglie. L’incontro, che si è tenuto nei giorni scorsi nella sede dell’Accademia di Medicina di Torino, ha passato in rassegna i contributi scientifici di vari specialisti per un aggiornamento sugli aspetti diagnostici, terapeutici e prognostici della malattia definita tumore stromale gastrointestinale, oggi nota anche con l’acronimo inglese GIST.
 
Sostanzialmente, rispetto all’incontro dello scorso anno, non sono emerse particolari novità se non una maggiore attenzione nella gestione della terapia di alcuni farmaci in particolare, tra i quali il ben noto Imatinib. Un certo spazio è stato dato al ruolo dell’Associazione Italiana GIST - Onlus, presieduta dalla dr.ssa Anna Laurenti, farmacista e farmacologa di professione, che ha coinvolto il pubblico esternando la sua disponibilità attraverso una helpline (dal sito www.gistonline.it) per rispondere ai quesiti degli associati su come gestire il proprio programma terapeutico, superando incertezze e preoccupazioni che talvolta condizionano il loro percorso clinico-assistenziale e quindi la loro qualità di vita.
Dal canto suo e dell’associazione, nel loro insieme in questi due anni il feedback è stato particolarmente positivo, come peraltro ha affermato il socio e consigliere Luigi Nava che, nel suo breve intervento, non solo ha ricordato il proprio iter diagnostico e terapeutico, ma anche il fattivo ruolo di appartenenza all’associazione contribuendo a darne sviluppo attraverso opera di informazione e di sensibilizzazione. È indubbio che l’estensione delle conoscenze in stretta sinergia tra volontariato e operatori della sanità, clinici in primis, rappresenta il massimo conforto per il sostegno dei pazienti, sia essi ad inizio diagnosi sia in terpaia da lungo tempo; e ciò a fronte anche di eventuali difficoltà organizzative e burocratiche che talvolta possono “ostacolare” la maggior attenzione per i pazienti, come liste di attesa, incomprensioni o disguidi vari... 
 
CONTINUA... 
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

2017LocFatto.jpg

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    OPEN DAY
    GIST
     
    Incontri dedicati
    ai pazienti con GIST
    e ai loro familiari ed amici 
     
    Sabato 27 Gennaio
    Accademia di Medicina
    di Torino
    Via Po,18 - Torino
    Ore 9.00
     
    Leggi tutto...  

  •  
    Percorsi espressivi
    attraverso arte e cultura
     
    In ogni malato,
    in particolare 
    quello oncologico,
    può essere importante
    stimolare iniziative 
    volte all’espressione 
    del proprio essere
    e del proprio esistere.
     
    Leggi tutto...  
  •   
    La Farmacia Oncologica
    e il ruolo del Farmacista
     
    Necessaria una più stretta
    collaborazione
    tra le diverse figure
    professionali della Sanità
    dopo la riclassificazione
    dei farmaci ex OSP 2.
     
    Leggi tutto...

Salviamo i Farmaci